Roghi nel Milanese: subito lavoro congiunto tra Comune e Regione

Roghi in siti di stoccaggio rifiuti nel Milanese: serve un lavoro congiunto tra Comune e Regione.

Dichiarazione di Michele Usuelli (Consigliere Regionale +Europa), Vincenzo Giannico (Coordinatore +Europa Milano) e Massimiliano Melley (Delega ai territori Più Europa Milano)

Durante la scorsa settimana due impianti di stoccaggio rifiuti hanno subìto incendi molto probabilmente dolosi nel Milanese, a Quarto Oggiaro e Novate. L’impianto di Via Chiasserini, in teoria vuoto come da ispezione a luglio, è risultato stracolmo.

Doverosa la reazione del Consigliere di +Europa Michele Usuelli che, durante la seduta del Consiglio di martedì 23 ottobre in aula, si rivolge all’Assessore all’Ambiente Cattaneo: “Come scardiniamo la pianificazione di ecoreati che garantiscono al crimine enormi profitti a spese della collettività?

In pochi anni passiamo da 3 a 14 incendi su impianti autorizzati: manca una visione su prevenzione incendi e una politica sulla gestione dei rifiuti.”

Così Usuelli incalza l’assessore: “Dite che farete controlli più accurati ma governate da 20 anni: quando farete i controlli? Ecco la mia proposta: state riempiendo di videocamere gli asili nido e le residenze sanitarie per anziani. Toglietele dai nidi e mettetele sui siti di stoccaggio.”

Inconsistente la replica di Cattaneo che mira unicamente a rassicurare con argomenti poco convincenti, infatti viene sconfessato dall’Aula che vota a scrutinio segreto la costituzione di una “commissione regionale d’inchiesta sui rifiuti” e la decisione di costituirsi parte civile a processo.

In tal senso sia il gruppo regionale che il neo costituito Gruppo +Europa Milano condividono pienamente la proposta di Carlo Monguzzi e della commissione ambiente di Palazzo Marino che va nella direzione di trattare gli impianti di stoccaggio rifiuti come siti sensibili, in modo da aprire a serrati controlli delle forze dell’ordine per individuare per tempo le situazioni illegali, e nel contempo stilare un protocollo preciso sui ruoli delle istituzioni in caso di emergenza e sul nodo della trasparenza informativa per i cittadini, che devono essere messi immediatamente al corrente dei rischi e delle precauzioni da prendere in caso d’incendi.